Il limite di usura del battistrada delle Gomme Auto

Tenere sotto controllo la usura del battistrada delle gomme è essenziale per la sicurezza alla guida e per rispettare la legge (il Codice della Strada)

È necessario controllare la pressione degli pneumatici almeno una volta al mese ed in caso di viaggi adeguarla al carico dell’auto in base alle indicazioni del libretto di uso e manutenzione. (le conseguenze di una scorretta pressione di gonfiaggio le trovi qui). Ed ogni volta che si controlla la pressione delle ruote è bene anche esaminare lo stato dello pneumatico: non deve presentare tagli o lesioni di fianchi e battistrada. E la usura del battistrada delle gomme deve essere regolare. Altrimenti è venuto il momento di cambiare le gomme.

Questo non solo per chi macina molti chilometri, ma per chiunque! Anche le gomme di una auto o di una moto ferma perdono pressione, e quando la userete il battistrada si consumerà in maniera anomala e potenzialmente pericolosa. Questo perchè gli pneumatici stessi o i cerchi (che siano in lamiera o cerchi in lega leggera) hanno microporosità. Ed a volte le valvole, invecchiando, perdono un po’ di tenuta.

Ricordati: gli pneumatici della tua auto rappresentano l’unico punto di contatto tra la macchina (o la moto) e la strada. Se le gomme non sono in ottime condizioni il rischio è elevato. Ed anche eventuali salate sanzioni amministrative…

L’altro elemento da controllare per la sicurezza alla guida, oltre alla pressione delle gomme, è la profondità del battistrada delle gomme auto.

Gli pneumatici nuovi hanno una profondità di battistrada di circa 8-9 mm circa. Questa ovviamente diminuisce progressivamente con l’usura. Un caso a parte sono ovviamente pneumatici ultrasportivi il cui battistrada ha una profondità ben inferiore: ma non sono certo gomme pensate per tutte le auto e men che meno per il bagnato.

Ma quando l’usura del battistrada è tale da dover cambiare le gomme?

La profondità minima consentita dal Codice della Strada è di 1,6 mm. Tuttavia, qualcuno consiglia di cambiare pneumatici quando il battistrada è inferiore a 4 mm. Parliamo più approfonditamente della misurazione del battistrada degli pneumatici in un altro articolo dedicato alla misurazione del battistrada delle gomme.

Non saremo noi a rispondere a questa domanda ma Michelin (maggior produttore di pneumatici del 2020)

In ottica di totale trasparenza con la propria clientela, Michelin ha organizzato un test apposito a maggio 2017.
E questo test non comprendeva solo pneumatici nuovi ed usati (di gamme economiche e premium) prodotti dalla stessa Michelin, ma anche da competitors. Tutte le gomme erano opportunamente mascherate su fianco per non essere riconoscibili.
I risultati sono stati sorprendenti: c’è stata una differenza tra gli pneumatici nuovi e quelli usati, ma con scostamenti veramente minimi sia sull’asciutto sia sul bagnato. Ovviamente tutto ciò fino al limite degli 1,6 mm di legge: oltre si entra nel mondo delle slick! E la sicurezza alla guide è a grave rischio…

Michelin - Gomme Miglior Prezzo
Michelin

E’ quindi inutile cambiare gli pneumatici ben prima degli 1,6mm di legge, sempre che l’usura delle gomme auto sia uniforme. Altrimenti bisogna considerare il lato più usurato della gomma. (oltre a capire perchè l’usura dello pneumatico non sia uniforme).

Il discorso è chiaramente diverso per gli Pneumatici Moto la cui usura sarà ovviamente diversa tra zona centrale e fianchi. In questo caso, nel caso si facciano soprattutto percorsi cittadini e non si giri in circuito, consigliamo gomme bi-mescola o tri-mescola. Queste gomme moto hanno infatti una mescola più dura nella zona centrale che sarà quindi meno soggetta ad usura.

Sui fianchi sono invece composti da una mescola più morbida per favorire aderenza e motricità in piega.

Perché a Michelin premeva effettuare un test del genere sugli pneumatici auto?

Per lo stesso motivo per cui a noi preme riferirvelo: cambiare le gomme troppo presto, secondo i dati forniti dalla casa francese, porterebbe a ulteriori 128 milioni di pneumatici utilizzati in Europa e quindi 9 milioni di tonnellate di CO2 in più emesse nell’atmosfera con ulteriori e ingiustificati costi per i consumatori di 6 miliardi di euro l’anno.

indicatore-battistrada-delle-gomme-miglior-prezzo

Noi di Gomme Miglior Prezzo teniamo all’ambiente, per questo sui nostri pneumatici applichiamo l’eco-contributo PFU (Pneumatici Fuori Uso). Tratteniamo quindi alla fonte la somma dedicata al corretto smaltimento delle gomme quando saranno “finite”. Ricordiamoci che gli pneumatici sono prodotti altamente inquinanti.