Pneumatici Auto Runflat

Quello che tutti sanno è che le gomme runflat hanno delle caratteristiche costruttive tali da poter permettere di continuare a viaggiare dopo una foratura. Questo perché l’indice dei flessione della spalla dello pneumatico è studiato per renderla più rigida e creare quasi un effetto molla.
Le gomme runflat hanno pregi e difetti che hanno creato questi miti, cerchiamo di capirli insieme.

gomme auto runflat

E’ vero che le Gomme runflat peggiorano la guidabilità dell’auto?

La risposta qui è semplice: sì. Sono gomme più pesanti, con una spalla particolarmente rigida, quindi influiscono sullo handling della vettura. E tendenzialmente peggiorano anche il confort proprio a causa della rigidità della spalla che trasmette più vibrazioni alle sospensioni. Nulla di eccessivo, ma la differenza c’è.

E’ vero che servono cerchi auto ad hoc per montare queste gomme?

Qui la risposta è “ni”, passatecela. Checchè ne dicano le case costruttrici di automobili le runflat possono essere montate anche sui classici cerchi H2. In effetti però lavorano meglio sugli EH2, che presentano un bordo più pronunciato (che evita stallonamenti a gomma sgonfia) e sono un po’ più rigidi per assorbire le maggiori sollecitazioni. Ma questa differenziazione vale soprattutto per le vecchie generazioni di runflat, le nuove le si possono montare sulle H2 a cuor leggero. E non siamo noi a dirlo, ma Pirelli.

E’ vero che gli pneumatci runflat costano di più?

Semplicissimo: sì, circa il 20% in più.

A scopo esemplificativo mettiamo il link alla stessa misura (205/55 r16) di gomma Pirelli RUNFLAT STANDARD

Serve il controllo pressione pneumatici (TPMS) per montarli?

Sì, è necessario montare il TPMS sia perché è previsto dalla legge, sia per una questione di sicurezza. In caso di foratura di una gomma runflat non ci sono reazioni evidenti dell’automobile a bassa velocità. Quindi per saperlo è necessario uno strumento di monitoraggio. E, per essere efficace, serve un TPMS attivo che misura realmente la pressione, non uno di quelli passivi che misurano la differenza di velocità di rotolamento delle ruote. Questo perché un runflat non si “affloscia”, quindi la velocità di rotolamento rimane identica anche se forato.

Si possono montare gomme runflat aftermarket?

Sì! Come detto non servono necessariamente cerchi specifici, ma bisogna necessariamente montare un sistema TPMS nel caso la macchina non ne sia dotata. Ci sentiamo però di sconsigliare il montaggio di questi pneumatici su un’automobile che non ne è uscita direttamente dalla fabbrica. Come già detto queste gomme sono più rigide di quelle standard e quindi trasmettono più vibrazioni: se non sono state previste già in fase progettuale potrebbero inficiare comfort e tenuta di strada.

Si possono riparare gli pneumatici runflat?

Altra domanda difficile. Tecnicamente è fattibile, parlando chiaramente di danni riparabili. I produttori di pneumatici però lo sconsigliano. Il nostro consiglio in questo caso è di farlo valutare ad un gommista e farlo riparare solo se si è consapevoli di aver percorso pochissimi chilometri dalla foratura. Altrimenti la struttura della spalla della gomma potrebbe essere danneggiata senza che lo cosa sia visibile.

Se ho una auto che monta runflat posso montare pneumatici standard al cambio gomme?

Sì, senza nessun problema!

A che velocità e per quanto posso viaggiare con una gomma bucata?

Pirelli consiglia a massimo 80km/h per non più di 80km

In pratica è sempre meglio scegliere gli pneumatici in base alle vostre reali necessità. Se siete macinatori di km per lavoro e non cercate le massime prestazioni dalla vostra auto è un’ottima scelta che vi può permettere di viaggiare più sicuri. In caso contrario meglio pneumatici standard più economici e performanti.